mercoledì 31 agosto 2011

San Giuseppe d'Arimatea



Giuseppe d'Arimatea, secondo i Vangeli, fu il ricco possidente che si fece consegnare da Ponzio Pilato il cadavere di Gesù per deporlo nel sepolcro che aveva preparato per sè stesso, quello da cui il Cristo risorse dopo tre giorni.

Secondo la leggenda Giuseppe aveva raccolto in un calice le ultime gocce di sangue del Cristo morente, il sangue del Re dei re, quindi sangue reale. Anni dopo si spostò in Europa occidentale, si dice nel sud della Francia, portandosi Maria di Magdala, la Maddalena, e quella coppa che depositò in qualche posto mantenuto segreto e che nei secoli successivi divenne una potente reliquia - il Santo Graal - alla cui ricerca si dedicarono religiosi, cavalieri e monarchi.

Giuseppe d'Arimatea fu proclamato santo; la sua memoria si celebra oggi, 31 agosto.

lunedì 29 agosto 2011

Lutto

E' scomparso Gino Banchi Alberganti, 70 anni, di Casale centro.
A parenti e amici le più sentite condoglianze della redazione.

domenica 28 agosto 2011

Notizie 28 agosto 2011




I 18 giovani casalesi alla GMG di Madrid
GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ
I ragazzi ringraziano l’Amministrazione Comunale - in particolare il Sindaco, il Vicesindaco e il Consigliere Giorgio Rapetti - la Pro Loco e l’ASD di Casale, le Parrocchie Unite - in particolare don Pietro e padre Joseph - gli abitanti di Casale e i frazioni nonché tutti coloro che hanno partecipato alle loro iniziative, permettendo di raccogliere i fondi necessari per vivere l’esperienza della GMG.
Sul sito web della parrocchia – parrocchiecasalecc. studiombm.it – alcune fotografie dell’evento. Prossimamente i ragazzi organizzeranno una serata fotografica per raccontare a tutti la loro esperienza.

ESTA ES… LA JUVENTUD DEL PAPA!
“Questa è la gioventù del Papa!”, un coro risuonato chissà quante volte per le vie di Madrid grazie a una folla di ragazzi, provenienti da innumerevoli Paesi, che ha letteralmente invaso la capitale spagnola in occasione della XXVI Giornata Mondiale della Gioventù (Jornada Mundial de la Juventud, JMJ, in spagnolo).
Io, che ho avuto la fortuna di parteciparvi, partendo il 14 agosto e tornando il 22, non posso far altro che sorridere ripensando (magari con un po’ di nostalgia) a quei giorni da poco trascorsi, alle parole che ho sentito ma, soprattutto, al clima che si è respirato a Madrid in tale occasione.
Durante una delle catechesi a San Augustin de Guadalix (un paese a circa 30 km da Madrid dove era ospitata buona parte della diocesi di Novara) mi è rimasta particolarmente impressa una frase del Vescovo: “Voi giovani non siete qui a Madrid come massa, ma come comunità”. Ma come essere una comunità? Come si può essere tutti fratelli fra più di un milione di persone che non si sono mai viste? Bastava camminare per le vie della capitale per capirlo: avreste visto centinaia di migliaia di giovani abbracciarsi, scambiarsi i souvenirs dei diversi Paesi, cantare, intonare cori a Benedetto XVI, ballare, parlarsi e conoscersi, magari con qualche strafalcione in inglese, ma non importava perché si sapeva che, ovunque, ci avrebbero accolti a braccia aperte e con un sorriso.
Madrid è stata per una settimana la sede di una gran festa, animata da giovani carichi di entusiasmo e di volontà, impazienti di esprimere la loro gioia e di cantare ovunque, persino nelle metropolitane! Francia, Portogallo, Cile, Argentina, Messico, Germania, Paraguay, Brasile, Repubblica Ceca, USA, Canada, Regno Unito, Belgio, Svezia, Irlanda e persino Indonesia, Giappone, Cina, India, Korea, Filippine … questi sono solo alcuni dei Paesi da cui provenivano i ragazzi che abbiamo incontrato.
Eppure si intuisce che sotto questa felicità collettiva c’è qualcosa di più: non si tratta della semplice euforia data da un così gran ritrovo di giovani o dall’entusiasmo dei 20 anni; sono anzi sicura che, nel vedere una tale folla, qualcuno se lo sarà ben chiesto, qualcuno si sarà domandato “perché?”.
Perché alcuni fanno viaggi così lunghi (e costosi) per ritrovarsi qui, a Madrid? Perché sopportano il sole, il caldo di 40°, le lunghe camminate, le code e la calca di gente? Perché, nonostante la forte pioggia che li ha sorpresi a Cuatro Vientos (l’aeroporto dove si è tenuta la veglia e la messa col Pontefice), non se ne sono andati? Certo non poteva essere semplicemente per vedere un uomo, sia pure il Papa. Il significato della JMJ è ben diverso: esso consiste infatti nel testimoniare la nostra fede, per essere (come recitava lo slogan di quest’anno) “saldi nella fede, radicati in Cristo e testimoni di Cristo”, obbiettivo che, sono sicura, è stato raggiunto.
Per concludere mi permetto di usare le parole che una ragazza ha voluto condividere con noi durante il viaggio di ritorno in pullman: ricordandosi che Madre Teresa aveva detto “siamo una matita nelle mani di Dio”, lei dice di aver trovato nella JMJ il “temperino giusto per fare la punta alla sua matita” che, da un po’, non scriveva più tanto bene.
Probabilmente la matita di tutti noi a volte è un po’ incerta e inciampa nello scrivere, ma la Giornata Mondiale della Gioventù è stata un ottimo mezzo per rinfrescare la nostra fede ed essere nuovamente “Firmes en la fe!”(saldi nella fede!).
beatrice s.

GITA DEI PENSIONATI
L’associazione per la Promozione dell’Anziano e il gruppo dei Pensionati casalesi organizzano la tradizionale gita d’autunno, con destinazione Albisola e Varigotti, nella riviera ligure di ponente. L’appuntamento è fissato per giovedì 29 settembre alle 7,30 a Ramate, 7,45 a Casale.
Costo 60 euro, comprensivi di viaggio in pullman e ‘gran pranzo sociale’. Prenotazioni entro il 10settembre ai recapiti 0323 60158, 0323 60303 o 0323 691016.

GRUPPO CARITAS
Riunione operativa venerdì 2 settembre, re 20,30 presso il Baitino. All’ordine del giorno l’inizio d’attività del centro di assistenza.

ASSOCIAZIONE PER LA PROMOZIONE DELL’ANZIANO
Il consiglio direttivo si riunisce mercoledì 31 agosto 2011 per l’organizzazione della Giornata dell’Anziano di domenica 2 ottobre.

CAMPO SCUOLA
Il gruppo giovanile interparrocchiale propone un campo scuola residenziale, con attività ricreative e di formazione cristiana, che si terrà presso la Casa del Giovane, sotto la guida di don Pietro e di padre Joseph, dal 5 al 7 settembre. La partecipazione è riservata ai ragazzi dai quindici anni in su.
Pernottamento e ristorazione in loco, costo 15 euro. Prenotazione obbligatoria entro il 2 settembre ai recapiti telefonici 339 249 8185 o 340 5420963.

MUSEO DELLA LATTERIA SOCIALE
Il gruppo di lavoro che sta preparando l’allestimento del nuovo museo della cultura tradizionale casalese si riunirà sabato 3 settembre, alle 15, presso la biblioteca civica di piazza della Chiesa. La partecipazione è aperta a tutti coloro che fossero in qualunque modo interessati.

LUTTI
Sono scomparsi Lina Jonghi, 87 anni, e Giorgio Lorenzoni, 69 anni, entrambe di Ramate.
A parenti e amici le più sentite condoglianze della redazione.



lunedì 22 agosto 2011

Il dolce viso



E’ uscita, un po’ alla chetichella in questo periodo di ferie, l’opera ‘Il dolce viso’, un agile volumetto nel quale Alessio Lucchini - giovane studioso di Pedemonte, ma ormai casalese d’adozione – racconta la storia dell’oratorio della Cereda. L’attenzione dell’autore è rivolta in particolare all’affresco che si trova all’interno, proprio sopra la porta d’ingresso, rappresentante la Vergine col Bambino in compagnia di san Roco e di san Sebastiano, opera che si ipotizza realizzata intorno alla metà del XVII secolo.

domenica 21 agosto 2011

QUELL’AGOSTO DI (QUASI) OTTOCENTO ANNI FA

21 agosto 1221. Nel corso di un lungo periodo di contrasti tra i vescovi conti di San Gaudenzio - che vanno sempre più consolidando il loro potere temporale sulla riviera di San Giulio per costituirvi quello stato demi autonomo che durerà sino al 1816 – e la nascente autonomia comunale novarese, che ai vescovi si contrappone con sempre maggior forza, il borgo di Omegna passa di proprietà al comune di Novara, che lo acquista dai conti Da Castello - poi Nobili - di Crusinallo per la somma di trecento lire imperiali. Già da allora il Cusio viene diviso in due e lo resterà, appunto, sin dopo il periodo napoleonico, per ritornare tale, amministrativamente parlando, al termine del ventesimo secolo.
E ora? Ottocento anni fa Omegna, con tutti i paesi della Corcera, passava a Novara e otto secoli dopo la storia si ripete con l’abolizione – per altro non ancora certa – della provincia del Verbano Cusio Ossola. Segni del destino?

sabato 13 agosto 2011

Lutto

E’ improvvisamente scomparsa Annamaria Francioli Mazzoleni, 84 anni, residente a Ramate.
A parenti e amici le più sentite condoglianze della redazione

domenica 7 agosto 2011

Lutto

E’ scomparso Giuliano Togno, 61 anni, originario di Arzo e abitante a Casale centro. Imprenditore nel campo delle materie plastiche, sulle orme del padre Dino, era stato consigliere comunale con il sindaco Eligio Maggiola e rappresentante di casale nella comunità montana Strona e Basso Toce.
A parenti e amici le più sentite condoglianze della redazione e dell’intera comunità.

sabato 6 agosto 2011

Appuntamenti d'agosto

domenica 7 ricordo dell'eccidio all'alpe Grandi (6 agosto 1944) con deposizione di fiori a cura dell'amministrazione comunale; la delegazione partirà da Arzo alle 9,00

mercoledì 10 San Lorenzo martire, patrono di Ramate
ore 20,30 S. Messa nella chiesa di Ramate e successivo pellegrinaggio al cimitero di Casale per il consueto ricordo dei defunti della parrocchia

lunedì 15 Beata Vergine Assunta, patrona del Getsemani
ore 11 S. Messa presso la chiesa del santuario

martedì 16 San Rocco, copatrono della Cereda

sabato 20 festa degli alpigiani alla Minarola
ore 10,30 S. Messa