domenica 27 maggio 2012

Notizie 27 maggio 2012

FESTE FRAZIONALI
Domenica 3 giugno si festeggia la Santissima Trinità, cui è dedicata la chiesetta di Crebbia.
Alle 11 Messa solenne e alle 15,30 Vespri, Adorazione e Benedizione Eucaristica. Poi la piazzetta si trasformerà in uno dei punti ‘gastronomici’ di Marcedonia 2012.

FINISCE IL MESE MARIANO
Giovedì 31 maggio si terrà la celebrazione conclusiva per il mese mariano. Alle 20,15 Rosario, Messa e tradizionale benedizione delle rose alla chiesa di San Carlo.

CONSIGLIO COMUNALE
In discussione, nella seduta del 30 maggio, il piano per le energie sostenibili e l’allegato al regolamento edilizio in tema di risparmio energetico. E ancora l’adozione di due strumenti urbanistici edificatori, a Pramore per nuove costruzioni e nel centro di Casale per il recupero di una vecchia fabbrica in disuso.

IMU
Fissate le aliquote per il territorio comunale nella misura del 4,5 per mille per le abitazioni principali, 2 e 8,4 per mille rispettivamente per i fabbricati rurali ad uso strumentale e per tutti gli altri fabbricati.
Presso l’ufficio tributi del comune si possono avere tutte le informazioni in merito al calcolo e al pagamento dell’imposta.

LA STORIA DI MONTEBUGLIO
L’associazione per la Promozione dell’Anziano comunica che il libro ‘Montebuglio. Storia di un antico comune’ è in vendita, al prezzo di dieci euro, presso la biblioteca comunale e l’edicola del capoluogo.

Marcedonia 2012







MARCEDONIA 2012
Dopo il successo dello scorso anno, domenica 3 giugno, nel pomeriggio, torna Marcedonia, mangia e cammina – o viceversa? – proposta dal gruppo giovanile delle parrocchie e dell’oratorio di Casale Corte Cerro. Si tratterà, ancora una volta, di percorrere a piedi un breve tratto di strada lungo le antiche vie, da fazione a frazione, fermandosi ad ogni pié sospinto per gustare le specialità gastronomiche a base di frutta proposte dai vulcanici ragazzi della Casa del Giovane.

Partenza dall'oratorio alle 16,30 - rientro per l'ora di cena. Costo di partecipazione... a consumo!

domenica 20 maggio 2012

Pass e pass, passin, passet...



Omegna 26-05-2012
PASSO PASSO DAL MOTTARONE A NEBBIUNO
Il 23 ottobre 2011, al termine della stagione di alpeggio, Paolo Tondina, uno degli ultimi allevatori erranti del Mergozzolo, al discargava l’alp, partiva cioè con i suoi armenti – circa cento capi tra vacche, capre e asini - dalla Cassina Vèrda, presso Lucciago per rientrare a Nebbiuno. Un’operazione, quella della transumanza stagionale, che un tempo era tipica di ogni nostro paese e di tutte le famiglie.
Quella domenica a seguire il cammino dei pastori – circa sei ore di camminata ininterrotta – c’erano anche Valerio Amadori, grande appassionato di fotografia, e Giorgio Scalenghe, veterinario dell’Azienda Sanitaria Locale, armati di pazienza e fotocamere, per documentare quell’antico rito rimasto pressoché immutabile nel tempo.
I risultati dell’operazione saranno presentati sabato 26 maggio alla biblioteca civica di Omegna, in via XI Settembre, attraverso una mostra fotografica e la proiezione di un video documentale. A far da accompagnatore ci sarà anche Massimo M. Bonini, barbä Bonìn dlä Cort Cèrä, con una chiacchierata storico musicale sul tema ‘Per monti, boschi e prati. Il lavoro del contadino di montagna nella cultura tradizionale’.
L’evento, ad ingresso gratuito, avrà inizio alle 17; la mostra resterà aperta sino al 30 giugno.

Leggere fa crescere



Inglese - diälèt

Ël Jacom d’Omëgnä – Riva për chi ‘l lèsg L’Informatore, dato che ‘l lavorä in su lä Rivä ‘d Fond – äl scruvevä lä smänä pässà dë col chë’l gh’è sucidù int ël paes dij Luv e ‘l tiravä fòo dij pärologn in ingles ciämändogh a cui dël diälèt dë votài int lä nòstä mänerä dë pärlàa. Street boulder, spinning, parkour, scout, self made… Tutä ròbä modèrnä, chë ‘ss pòl dilä domà in cola manerä lì ’nsì… O nò?
Scomënciomä d’in fond: self made. S’ij hò cäpì polit ä säressän cui chë’ss rängiän ä fàa on pò dël tut për seu cunt, bricoleurs ä ziressän ij fräncss. Murador, tubistä, ‘tricistä, sbiänchìt, pùavërz e viä dicc. Ghë ‘n n’è ‘nä squadrä incä Cäsàl, chë iutän in päròchiä; ël don Enrico, int ël seu diälèt mézz ëd lä bassä e mézz ëd lä vàal, ägh zévä ‘quèi là’. Ël Mleto, ‘l Piti, ‘l Luis, l’Enzo, ël Germano bonanimä, ël Gaudenzi. Së’l gh’è dë pituràa on mur, rängiàa ‘n uss, cämbiàa ij lämpädin d’in gesä l’è sé ciämàa ‘quèi là’, lor a ruvän e… tàch! Tutt ä pòst.
E ijlorä säréss self made = quèi là.
Opurämént am vëgn in mént che quänd chë sevi bòciä e ‘l g’evi de fàa ‘nä quai ròbä navi ciämagh däl me pà e lui ‘nä vòtä ‘m lä mostravä ma peui, së navi tornä, am disevä: “Dèss vardä on pò dë rängiat!”
Ecco, lä traduzión lä podaréss vèssä costä: self made = vardä on pò dë rängiat.
L’è gnuvä longä, särà mei fërmass chi. Ij èoti päròl… lä smänä chë vëgn, se cui dlä redazión am sopòrtän incorä.
Alegär.


Giacomo da Omegna – Riva per chi legge L’Informatore, visto che lavora alla Riva di Fondo – scriveva la scorsa settimana dei recenti eventi omegnesi e citava termini inglesi, chiedendo agli artigiani del dialetto di tradurli nelle nostre parlate. Street boulder, spinning, parkour, scout, self made… Tutte cose moderne che solo così si possono definire… O no?
Cominciamo dall’ultimo: self made. Se ho ben compreso si tratterebbe di quelle persone che si ingegnano a far da sè un po’ di tutto, bricoleurs li definirebbero i francesi. Muratori, idraulici, elettri cisti, imbianchini, giardinieri eccetera. Ce n’è un gruppo anche a Casale in aiuto alla parrocchia; don Enrico, nel suo dialetto per metà della bassa (novarese) e per l’altra metà della valle (Strona), li definiva ‘quèi là’. L’Amleto, il Piti, il Luigi, l’Enzo, il Germano buonanima, il Gaudenzio. Se c’è da imbiancare una parete, riparare una porta, cambiare le lampadine in chiesa basta chiamare ‘quèi là’, loro arrivano e, come d’incanto! Tutto va a posto.
Quindi potremmo tradurre self made = quèi là.
Oppure ricordo che da ragazzo, se dovevo fare qualche cosa, andavo da mio padre a chiedere spiegazioni e lui la prima volta mi insegnava, ma la seconda mi diceva: “Dèss vardä on pò dë rängiat!” (Adesso vedi un po’ di aggiustarti da solo!)
Ecco, forse questa è la versione migliore: self made = vardä on pò dë rängiat.
L’ho fatta lunga e sarà meglio che mi fermi qui. Le altre parole… la prossima settimana, se in redazione mi sopporteranno ancora.
Allegri!

barbä Bonìn

sabato 19 maggio 2012

Notizie 20 maggio 2012

LIBRO SU DON GIACOMO BOSCHETTI
Dopo la notizia circa la pubblicazione del libro ‘O car Signor’ in ricordo di don Giacomo Boschetti, primo parroco di Ramate negli anni ’50, molti ci hanno chiesto dove poterlo acquistare.
I curatori ci dicono che lo si può reperire presso la tabaccheria di Ramate, in via Bruno Bertone – a pochi metri dal circolo Arci – oppure rivolgendosi direttamente al parroco, don Pietro Segato (telefono 0323 60123 o 342 0740896).

MONTEBUGLIO E LA SUA STORIA
Dopo una lunga gestazione è finalmente stata data alle stampe la pubblicazione ‘Montebuglio. Storia di un antico comune’ curata da Vilma Burba - che sino a poche settimane orsono ha gestito la biblioteca comunale di Casale – con l’aiuto di alcuni appassionati locali.
Pubblicato a cura dell’associazione per la Promozione dell’Anziano, il libro, che conta un centinaio di pagine, contiene il racconto della vita nell’attuale frazione casalese – comune autonomo sino a metà ‘800 – a partire dal XII secolo, alcune pregevoli fotografie d’epoca e la riproduzione di alcuni importanti documenti conservati nell’archivio storico del comune, in particolare il più antico di tutti, datato 18 giugno 1400.
La presentazione ufficiale, con la presenza dell’autrice, si terrà domenica 27 giugno alle 16, nel corso della festa della Madonna del Balmello, presso la struttura del comitato Primavera, alle spalle della chiesa parrocchiale di San Tommaso in Montebuglio.

CASALE DIGITALE
Un certo numero di articoli di argomento casalese pubblicati in passato dal barba Bonìn su L’Informatore e altre riviste locali è stato raccolto in un libro digitale, un e-book, leggibile da moderni dispositivi portatili quali e-reader o tablet e da qualunque computer. Si tratta di un esperimento per valutare le opportunità offerte dai nuovi sistemi di editoria on line, con la possibilità per chiunque di pubblicare le proprie opere a costi praticamente nulli.
Il libro si intitola ‘Scrivendo di Casale’ e lo si può scaricare gratuitamente all’indirizzo internet www.meetale.com/tale/scrivendo-di-casale/13370253549497


FESTA DI PRIMAVERA E DEL BALMELLO A MONTEBUGLIO
Ritorna la festa Montebugliese al tendone del Comitato, presso la chiesa parrocchiale.
Giovedì 24, venerdì 25 e sabato 26 maggio serate dedicate al rock con il festival ‘Rock e dintorni’, a iniziare dalle 21.
Domenica 27 i festeggiamenti della copatrona, la Madonna del Balmello,prevedono la Processione alle 9, la Messa solenne alle 10,30 e il pranzo sociale alle 12,30. Nel pomeriggio Vespri e incanto delle offerte, quindi la presentazione del libro ‘Montebuglio. Storia di un piccolo comune’ a cura dell’associazione per la Promozione dell’Anziano di Casale. A sera esibizione della scuola di ballo Ivan & Romina.
Venerdì 1 giugno e sabato 2 serate musicali con Dj Tecchio e Wilmer Moda.
Domenica 3, a partire dalle 9, torneo di calcio presso il campo della Verta (Omegna); le premiazioni si terranno di sera alla festa, che terminerà con Riff Raff Tributo AC-DC.
Per l’intero periodo sarà in funzione il tradizionale e ben fornito stand gastronomico, mentre per alleviare il problema dei parcheggi verrà organizzato un servizio navetta, in funzione ogni sera dalle 21 alle 1 e con capolinea a Omegna, piazza Beltrami, e a Gravellona Toce, parcheggio Penny Market.
Per il pranzo di domenica 27, costo 22 euro, prenotazione obbligatoria ai recapiti 348 7941610 - 340 1968847; per il servizio navetta al 380 2931878.

MARCEDONIA 2012
Dopo il successo dello scorso anno, domenica 3 giugno, nel pomeriggio, torna Marcedonia, mangia e cammina – o viceversa? – proposta dal gruppo giovanile delle parrocchie e dell’oratorio di Casale Corte Cerro. Si tratterà, ancora una volta, di percorrere a piedi un breve tratto di strada lungo le antiche vie, da fazione a frazione, fermandosi ad ogni pié sospinto per gustare le specialità gastronomiche a base di frutta proposte dai vulcanici ragazzi della Casa del Giovane.
Prossimamente i più ampi dettagli. Per intanto… segnatevi la data!

CENTRO ESTIVO 2012
Comincia i lavoro organizzativo per il GREST, l’Estate Ragazzi organizzata dalle parrocchie casalesi, che sotto la sigla ‘Passepartout’ prenderà il via il prossimo 25 giugno.
Coloro che si rendessero disponibili quali animatori o aiutanti sono convocati per un incontro preliminare venerdì 25 maggio, alle 17,30 presso l’oratorio Casa del Giovane.

CATECHISMO
Gli incontri di catechismo sono terminati con le Prime Comunioni di domenica 20 maggio. Riprenderanno a settembre, secondo orari che verranno comunicati tramite i bollettini e i siti internet delle parrocchie.
Si ricorda che presso i catechisti sono ancora aperte le iscrizioni alla giornata di amicizia al Cardello, sabato 26 maggio, e per la gita al santuario della Madonna della Guardia di Genova, sabato 16 giugno.

venerdì 18 maggio 2012

Montebuglio. Storia di un antico comune.



Dopo una lunga gestazione è finalmente stata data alle stampe la pubblicazione ‘Montebuglio. Storia di un antico comune’ curata da Vilma Burba - che sino a poche settimane orsono ha gestito la biblioteca comunale di Casale – con l’aiuto di alcuni appassionati locali.
Pubblicato a cura dell’associazione per la Promozione dell’Anziano, il libro, che conta un centinaio di pagine, contiene il racconto della vita dell’attuale frazione casalese – comune autonomo sino a metà ‘800 – a partire dal XII secolo, alcune pregevoli fotografie d’epoca e la riproduzione di alcuni importanti documenti conservati nell’archivio storico del comune, in particolare il più antico di tutti, datato 18 giugno 1400.
La presentazione ufficiale, con la presenza dell’autrice, si terrà domenica 27 giugno alle 16, nel corso della festa della Madonna del Balmello, presso la struttura del comitato Primavera, alle spalle della chiesa parrocchiale di San Tommaso.

lunedì 14 maggio 2012

Notizie 13 maggio 2012

I CENT’ANNI DEL CIRCOLO DI RAMATE
Domenica 26 maggio 1912: una data storica per i frazionisti di Ramate. A otto anni dalla costituzione del Circolo Operaio, avvenuta il 4 settembre del 1904, si inaugura la sede del circolo stesso, un edificio di due piani appositamente realizzato alla periferia dell’abitato, con dimensioni di 22 metri per 11 e dotato di tre saloni e sei camere. Due dei saloni del piano terreno sono destinati alle attività di mescita per i soci, mentre nel terzo ha sede la Cooperativa di Consumo, istituita il 20 luglio 1907 su iniziative dei medesimi soci.
Una storia lunga e travagliata, quella del circolo ramatese, sino dagli esordi. Un paio di anni dopo la fondazione fu il Consorzio Daziario di Pallanza a cercare di ostacolare l’attività di queste organizzazioni, riuscendo ad ottenere dai tribunali la chiusura di parecchie di loro e la confisca delle merci. Insorse però la federazione socialista che, con una dura battaglia legale, fece in modo che i circoli potessero riaprire proprio nel 1907. Il circolo di Ramate riprese a funzionare nel settembre di quell’anno, sotto la guida del presidente Giuseppe Valsesia e del segretario Pietro Pallanza.
Nel 1927 il regime costringe il circolo operaio a trasformarsi in dopolavoro fascista, pur mantenendo fondamentalmente le sue funzioni, mentre la cooperativa di consumo diventa cooperativa del Littorio per poi fallire nel 1942 ed essere definitivamente liquidata nel 1949.
Negli anni ’80 una nuova crisi finanziaria, tanto grave da portare alla cessione dell’edificio a privati e alla ventilata chiusura dell’attività. Ma proprio da questo brutto momento prende avvio la nuova gestione, che in breve tempo porta prima di tutto alla ‘riconquista’ della sede e quindi alla sua completa ristrutturazione, formalmente terminata pochi anni or sono, ma per molti versi in continuo progresso.
Il palazzo è carico di ricordi per tutti gli abitanti della parte ‘bassa’ del comune di Casale. I suoi locali furono via via sede di diverse attività, da quelle di partito – ricordiamo che Ramate, nel secondo dopoguerra, fu a lungo conosciuto come ‘il paese dei comunisti’ – a quelle sociali e ricreative. Come dimenticare la celebre fanfara ‘Garibaldina’ che per anni operò in paese sino a che, nel 1953, gli strumenti finirono distrutti – causa una furibonda carica di polizia - durante un servizio prestato a Omegna in accompagnamento a un corteo di lavoratori in sciopero.
E come dimenticare che nelle stanze del primo piano furono collocate le aule della scuola elementare - sino alla realizzazione del nuovo plesso, proprio lì a pochi metri di distanza – e di conseguenza i seggi elettorali della rinata democrazia.
Entrato a far parte del circuito ARCI e rinominato ‘Rio Grande’, in onore del corso d’acqua che scorre poco lontano, il circolo di Ramate continua a svolgere il suo compito di aggregazione e diffusione culturale, costituendo un punto di riferimento insostituibile per tutto ‘il basso’ casalese.
E quindi… buon primo secolo! E avanti così.

LIETI EVENTI
I migliori auguri alla piccola Greta Tufano che sabato 19 maggio entrerà a far parte della comunità parrocchiale di Ramate con la celebrazione del Battesimo.

domenica 13 maggio 2012

Gestire i risparmi personali

Lunedì 14 maggio alle 15 presso l’oratorio Casa del Giovane si terrà il secondo incontro organizzato dall’associazione per la Promozione dell’Anziano sul tema “Come gestire i propri risparmi”. Relatore sarà ancora una volta il dottor Tiziano Conti della filiale Unicredit di Sant’Anna.

domenica 6 maggio 2012

Maggio, mese dei libri



Notizie 6 maggio 2012

AD ARZO SI FESTEGGIA SAN DEFENDENTE
San Defendente, martire della Legio Tebea sotto il comando di san Maurizio e patrono di Arzo, sarà festeggiato domenica 13 maggio nella piccola frazione montana.
In programma la Messa solenne delle 11 e, alle 15,30, processione con lo stendardo, adorazione e benedizione solenne.

ATTIVITA’ PARROCCHIALI
Sabato 26 maggio passeggiata dell’Amicizia al Cardello. Partenza alle 9 dall’Oratorio, Messa al campo, pranzo al sacco e pomeriggio di giochi. Sono invitati i bambini del catechismo con i loro genitori.
Sabato 16 giugno si terrà la tradizionale gita dell’oratorio, con destinazione il santuario della Madonna della Guardia, sulla Riviera Ligure. Informazioni e prenotazioni presso i sacerdoti. L’invito è aperto a tutti.
Dal 17 al 24 giugno sarà organizzato a Crodo un campo scuola per i ragazzi di prima e seconda media. Informazioni presso i catechisti.
E’ stato pubblicato sul bollettino parrocchiale (www.parrocchiecasalecc.studiombm.it) il bilancio 2011 della parrocchia di Ramate. Il conto quadra su poco più di 28 mila euro, con uo sbilancio di circa 1600, per latro ampiamente compensato dall’attivo dell’anno precedente.

LIETI EVENTI
I migliori auguri ai piccoli Paolo Soncin e Viola Perucchini che sabato 12 maggio entreranno a far parte rispettivamente delle comunità parrocchiali di Casale e Gattugno con la celebrazione del Battesimo.

LUTTI
E’ recentemente scomparso Cesare Negri, di Ramate. A pareti e amici le più sentite condoglianze della redazione.

sabato 5 maggio 2012

In ricordo di don Giacomo Boschetti

O car Signòr è il titolo del libro dedicato al compianto amico don Giacomo Boschetti, primo Parroco di Ramate.
Un sacerdote “normalmente speciale”, come lo definisce il curatore che ha raccolto testi e didascalie della pubblicazione presentata a Ramate domenica 6 maggio, festa di Santa Croce.
Si tratta di una carrellata sulla sua vita sacerdotale incominciata a Ramate, come cappellano, nell’ottobre del 1952, quindi a Cireggio e Ornavasso. Fu cappellano all’ospedale di Novara e alla clinica Maugeri di Veruno, parroco ad Agrate, Delegato Vescovile dell’OFTAL e cappellano d’onore della Grotta di Lourdes.
L’idea dei suoi famigliari di questa raccolta di ricordi è una preziosa testimonianza per le nostre comunità.